Schiscetta cos’è

Il termine schietta deriva dal verbo lombardo schisiare (schiacciare) e indica il contenitore del pranzo che gli operai degli anni ’50 portavano da casa: risotto, verdura o carne che fosse, era tutto schiacciato per far chiudere il coperchio.

In piemontese è detta “baracchino”, nei Paesi anglosassoni “lunch box” o ”packed lunch”, mentre in Giappone “bentobako”.

Origini a parte, la schiscia è molto diffusa anche ai giorni nostri e rappresenta un modo per mangiare sano a lavoro (a patto che i piatti non siano troppo elaborati) e risparmiare.

idee-schiscetta-dietista-padova-benacchio

Schiscetta perfetta

Per una pausa pranzo perfetta, è importante ricordare alcune regole basilari.

A casa è possibile preparare cibi sani ed equilibrati, scegliendo gli ingredienti con attenzione e abbinando i sapori.

1. Attenzione alla dispensa

Aprire e versare a casaccio nel lunch box una lattina di tonno, una mozzarella in busta, una manciata di piselli in barattolo non significa prepararsi il pranzo, ma accostare alimenti che cozzano uno con l’altro e avere un piatto non equilibrato. In dispensa devo avere degli alimenti che mi permettano di preparare la sera pensando a giorno dopo: nella credenza non devono mancare diversi cereali, in frigo sono indispensabili pollo e verdure, mentre il congelatore ci può aiutare con filetti di merluzzo e platessa, verdure  e legumi surgelati.

2. Pianificare i pasti

Ritrovarci all’ultimo momento, quindi al mattino appena svegli, a prepararci il pranzo non è l’idea migliore: la schiscetta perfetta richiede organizzazione! E l’organizzazione comincia dalla spesa settimanale. Nella lista della spesa devo annotare gli alimenti che vorrei consumare, tenendo conto anche dei pasti fuori casa. La sera prima posso preparare una porzione in più di verdure per aggiungerla alla schietta, oppure se faccio la frittata posso rompere due uova in più per inserirla nel mio packed lunch.

3. Condire al momento del consumo 

Una piccola scorta in ufficio di ottimo olio extravergine d’oliva, un boccettino di aceto di vino, sale, pepe, da utilizzare nel momento stesso del pasto, può aiutarci a mangiare le nostre verdure non afflosciate o inzuppate nell’olio dalla sera prima.

schiscetta perfetta-dietista benacchio

Ricette schiscetta

Ecco alcune idee per creare le vostre schiscette in modo equilibrato, senza annoiarsi e senza prendere sonno poi davanti al pc (ricordatevi di portare con voi anche della frutta fresca per la vostra merenda):

  • Cous cous con menta e ceci, e asparagi (+ 1 mela per lo spuntino)
  • Pollo al curry con riso basmati, e pomodorini (+ 2 kiwi)
  • Sgombro con patate, e fagiolini (+ 3 albicocche)
  • Insalatona di verdure miste, pane integrale e bresaola (+ 1 arancia)
  • Riso Venere con gamberetti e zucchine, e finocchi al vapore (+ 1 pera)

Largo alla fantasia, e ai colori! 

___________________________

Per avere ulteriori informazioni o una consulenza personalizzata, vi invito a contattarmi tramite mail al mio indirizzo personale: jessicadietista@gmail.com .

Read More


Le ciliegie: una tira l’altra, ci ricorda un famoso detto popolare. E infatti questo frutto rosso primaverile delizia così tanto il palato che non si finirebbe mai di mangiarlo!

Noi cediamo al peccato di gola, le assaporiamo e loro ci regalano numerose sostanze che potrebbero allungarci la vita. Scopriamo insieme a cosa mi riferisco.

Read More


I benefici di una sana alimentazione sono tantissimi: seguire una alimentazione sana ed equilibrata aiuta a migliorare la qualità della vita e può persino allungarla.

Read More


Quando si vuole intraprendere un percorso alimentare per migliorare la propria condizione fisica e/o di salute spesso si è di fronte ad un dubbio amletico: quale figura professionale scegliere tra dietologo, dietista e nutrizionista? E che differenze ci sono? Proviamo a fare un po’ di chiarezza!

Read More


La curcuma è una tra le spezie più conosciute ed utilizzate, sia nel mondo orientale che in quello occidentale. In particolare, per secoli è stata (ed è tutt’ora) uno degli ingredienti fondamentali della cucina mediorientale e del sud-est asiatico: assieme a cardamomo e zenzero, ad esempio, la curcuma è ingrediente del curry, tipico condimento indiano.

Read More


Farro: un cereale antico

Il farro è un cereale molto antico e probabilmente è la più antica tipologia di frumento coltivato, tant’è che costituiva la base dell’alimentazione dei legionari romani e veniva utilizzato per la produzione di pane, focacce e polente anche per i banchetti di nozze.

Il farro è un pianta molto resistente ed è in grado di crescere anche in condizioni difficili, con temperature basse e terreni poveri di nutrienti. Riesce perfino a resistere a certi tipi di parassiti, per cui non necessita di pesticidi: ecco perché spesso il farro è naturale e biologico. La sua resa, però, non è competitiva, per cui la sua coltivazione è ormai scomparsa e soppiantata da altre piante, tipo il frumento.

farro-benefici e proprieta-dietista benacchio

Farro cos’è

Per “farro” si intendono tre differenti specie del genere Triticum, ossia:

  • Farro piccolo o monococco
  • Farro medio o dicocco (il più usato)
  • Farro grande o spelta

Così come gli altri cereali, il farro si presenta sotto forma di cariossidi, comunemente detti chicchi, e viene commercializzato in diverse varietà, corrispondenti a differenti processi di lavorazione.

Farro valori nutrizionali

Il farro è un ottimo cereale per chi vuole tenere a bada il peso e la glicemia. Infatti, il farro apporta meno calorie della pasta di frumento (su 100g: 335 Kcal VS 350 Kcal) e il suo basso indice glicemico, assieme all’elevata quantità di fibre (6,8 g) aumenta il senso di sazietà.

Il farro contiene glutine, per cui è tra i cereali vietati in caso di celiachia.

Possiamo riassumere i valori nutrizionali per 100g di parte edibile:

  • 15 g di proteine
  • 2,5 g di grassi
  • 67 g di carboidrati

Farro benefici e proprietà

Il farro ha numerose proprietà benefiche, che lo rendono un ottimo sostituto ai cereali più diffusi (da noi, frumento e riso su tutti). Scopriamole insieme.

farro-dieta-dietista benacchio

DIGESTIONE E STIPSI

Il farro è molto digeribile e contrasta la comparsa di gastrite e reflusso. Inoltre, le fibre in esso contenute aiutano a regolarizzare l’attività dell’intestino in caso di stitichezza. Per lo stesso motivo, non è consigliato a chi soffre di colite (o colon irritabile) e meteorismo.

RADICALI LIBERI

Il farro è ricco di acido fitico, che lo rende un ottimo rimedio per contrastare l’azione dei radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento e di forme di degenerazione cellulare come i tumori, in particolare al seno, prostata e colon. Grazie alla sua alta solubilità in acqua, il farro permette al nostro organismo di assorbire meglio le sostanze nutritive in esso contenute.

OSSA FORTI

Il farro contiene molti minerali importanti come zinco, rame, magnesio e selenio che sono indispensabili per un corretto sviluppo delle ossa, aiutando così anche a prevenire l’osteoporosi.

Farro ricetta

Il farro è un cereale molto versatile, che può essere utilizzato per piatti caldi e freddi, come primi piatti, zuppe, piatti unici o dolci.

Ho scelto di scrivervi una ricetta semplicissima che ho fatto l’altro giorno anch’io: INSALATA DI FARRO CON FAVE E PISELLI.

Ingredienti per due persone:

140 g di farro

140 g di piselli freschi (o surgelati)

140 g di fave fresche (o surgelate)

1 cipollotto, olio extravergine d’oliva, erba cipollina, sale e pepe.

farro ricetta-dietista benacchio

Procedimento:

Lavare e cuocere il farro. Pulire i piselli e le fave e cuocere a vapore per 5 minuti. A cottura ultimata, scolare il farro e condire con l’olio e aggiungere i piselli e le fave. Aggiungere il cipollotto fresco, l’erba cipollina, il sale (poco, mi raccomando!) e il pepe.

Servire l’insalata di farro a temperatura ambiente.

BUON APPETITO!

Read More


Cos’è lo zenzero

Lo zenzero è una radice molto utilizzata nella medicina tradizionale ayurvedica, che ormai spopola in tutti i siti e programmi di informazione e divulgazione anche da noi, in Occidente, soprattutto quando si tratta di nutrizione e diete.

Read More


Quali etichette nutrizionali possiamo usare per fare educazione alimentare?

Partiamo dal presupposto che il modo in cui il venditore comunica gli ingredienti sulla confezione di un prodotto è di grande rilevanza per la lettura, la comprensione e l’efficacia nello stimolare comportamenti nutrizionali corretti.

Read More




Alla scoperta del tofu

Se volete sapere che cos’è il tofu siete capitati nell’articolo giusto.

Il tofu è un alimento vegetale molto consumato in varie nazioni dell’estremo oriente (dalla Cambogia al Vietnam, passando per Cina e Giappone) da centinaia di anni, ma fece la sua comparsa in Europa soltanto nel XVI secolo.

Read More



Molti disturbi alimentari non riguardano davvero il cibo, ma la fame da stress. 

Read More




Arriva l’estate, arriva il caldo, e si cercano alimenti freschi da consumare durante l’arco della giornata. E molte persone in questi giorni abbandonano pentole e fornelli e sostituiscono il pranzo (o la cena) con una bella coppa di gelato.

Read More