Esistono dei trucchi per mangiar meno?

Sfogliando una rivista a caso dalla parrucchiera (senza nulla togliere a questa categoria di lavoratori/trici) si possono trovare una miriade di articoli più o meno scientifici che consigliano la dieta del momento o il sostituto del pasto miracoloso. All’interno della stessa rivista, però, spesso si trovano anche ricette succulente e ricche di grassi. Lo stesso dicasi per i numerosi programmi TV: programmi di diete e programmi di cucina.

Siamo talmente bombardati dai consigli del Master Chef di turno per creare il piatto più gustoso, che contenersi (o “stare a dieta”) è sempre più difficile. Ma è impossibile? No, esistono dei trucchetti semplici che ci permettono di mangiare saziandoci, a volte anche ingannando il cervello.

dieta-dietistabenacchio

Cosa fare per evitare di mangiare tanto?

  • Ai pasti principali (pranzo e cena), evitiamo di mettere in tavola pentole, tegami, ecc, ma mettiamo la porzione prevista sul piatto.
  • Lo spuntino non deve essere un continuo mangiucchiare, ma un momento programmato e circoscritto, evitando di lasciare a portata di mano snack o caramelle.
  • Iniziamo i pasti con le verdure: sono alimenti a bassa densità calorica (=ipocalorici), che riempiono molto e ci fanno mangiare meno del resto.
  • Spegniamo TV o cellulari durante i pasti: fare “altro” finchè mangiamo ci fa mangiare inconsapevolmente di più.

Questi quattro esempi ci fanno capire che mangiar meno saziandoci di più non è impossibile, e questo per perdere peso in modo sano o per mantenersi in forma e in salute. Per dimagrire, infatti, non si deve digiunare o patire la fame, ma mangiare in maniera equilibrata, non saltando i pasti, ma anzi introducendo uno o due spuntini nell’arco della giornata, per poter mettere in moto il metabolismo. Oltre che mangiare meno, pensiamo anche a mangiare meglio e sano!

Per migliorare la salute e il rapporto con il cibo bastano piccoli ma grandi accorgimenti: ricordiamoci che “anche un viaggio di mille miglia inizia con un singolo passo” (cit. Lao Tzu).

1939 View

Leave a Comment