Alimenti a calorie negative

Alimenti a calorie negative

E’ possibile dimagrire senza evitare diete restrittive o digiuni? E’ possibile, quindi, dimagrire mangiando?

La risposta è affermativa, perché esistono le calorie negative.

COSA SONO LE CALORIE NEGATIVE

Il corpo umano ha bisogno di energia per tutte le reazioni chimiche che lo tengono in vita, dalla respirazione alla produzione di anticorpi, dalla produzione di ormoni alla digestione.

Per quanto riguarda l’ultimo aspetto, in termini tecnici si parla di termogenesi indotta dalla dieta: in parole semplici significa che il corpo “brucia” una certa quantità di energia (ossia calorie) per la trasformazione del cibo, dalla masticazione alla vera e propria digestione nello stomaco, all’assorbimento dei nutrienti a livello intestinale.

Avete capito bene, l’atto stesso di mangiare ci fa bruciare calorie! Esistono, infatti, alcuni alimenti che ci permettono di consumare più calorie di quelle che ci forniscono mangiandoli, stimolando opportunamente il nostro metabolismo.

Non si tratta di “alimenti magici” né di “barrette brucia-grassi”, bensì di alimenti a bassa densità calorica, quindi poco ricchi in grassi, carboidrati e proteine, ricchi di acqua, il cui bilancio tra quanto speso e quanto immesso può diventare negativo.

ALIMENTI A CALORIE NEGATIVE

Gli alimenti a calorie negative sono vegetali (frutta e verdura in primis, ma anche spezie) particolarmente ricchi di fibre e di vitamine, come ad esempio la vitamina C.

Per poter digerire bene questi alimenti è necessario masticare bene e a lungo. La masticazione ha un ulteriore vantaggio, quello di stimolare la produzione di succhi gastrici ma anche quello di far partire quel processo grazie al quale percepiamo il senso di sazietà. Le fibre inoltre riempiono lo stomaco, aiutandoci a mangiare di meno, e rallentano l’assorbimento di quegli zuccheri e grassi che ingeriremo successivamente.

Quali sono gli alimenti a caloria negative? Vi faccio solo qualche esempio.

Arancia:

ottima fonte di vitamina C, presenta circa 33-45 Kcal per 100 grammi. Il suo bilancio tra calorie immesse e consumate per la digestione è negativo.

pompelmo calorie negative dietista benacchio
Agrumi a calorie negative.

Pompelmo:

disponibile nelle varianti giallo o rosa, entrambe con preziosi nutrienti salutari tra cui la vitamina C. Apporta circa 35 calorie per 100 grammi.

Mandarini:

44 calorie per 100 grammi. Ricchi in vitamina C, anche se meno rispetto a limoni e aranci.

Anguria:

la parte rossa edibile contiene licopene e circa il 90% di acqua, e quindi ha effetto diuretico. Apporta solo 15 calorie per 100 grammi.

Sedano:

composto per il 75% di acqua, ha solo 15 calorie per 100 grammi di prodotto e contiene molte fibre.

Cetriolo:

altro alimento molto importante nelle diete per l’elevato contenuto di acqua e le proprietà sazianti. Ha solo 15 calorie per 100 grammi.

cetriolo-calorie-negative-dietista benacchio

I cetrioli: calorie negative estive.

Pomodoro:

quello fresco maturo apporta 19 calorie per 100 grammi. Molto importante dal punto di vista salutistico perché ricco di licopene nonché ingrediente per diverse preparazioni mediterranee.

Zucchine:

grande contenuto di acqua, presentano solo 15 calorie per 100 grammi di prodotto.

Asparagi:

hanno tra 20 e 30 calorie per 100gr, vantano proprietà diuretiche e depurative.

Cavolfiore:

soprattutto se consumato crudo o cotto leggermente al vapore, ha una consistenza croccante e aumenta il senso di sazietà. 

peperoncino calorie negative dietista benacchio
Usate il peperoncino abitualmente?

Peperoncino:

tenendo conto delle basse quantità normalmente utilizzate nelle nostre preparazioni, ha un apporto calorico quasi del tutto trascurabile. Innalza il metabolismo basale e permette di quindi di bruciare più calorie a parità di attività svolta.

CONCLUSIONI

Conoscere i cibi a calorie negative è una buona cosa: aumentando il loro consumo apporteremo sicuramente dei benefici in termini di salute, specie se poi controlliamo quantità e qualità degli altri cibi ingeriti.

Non si può in alcun modo pensare di riparare ad una alimentazione non corretta aggiungendo semplicemente grandi quantità di verdure o frutta a calorie negative. Insomma, non pensiamo di poter mangiare chili di carne rossa o fritti tutti i giorni e poi aggiustare le cose mangiando 1 chilo di cetrioli. Purtroppo non è così semplice! Il buonsenso e l’equilibrio sono d’obbligo.

___________________________

Per avere ulteriori informazioni o una consulenza personalizzata, vi invito a contattarmi tramite mail al mio indirizzo personale: jessicadietista@gmail.com .

La pizza fa ingrassare?

La pizza fa ingrassare?

Nel momento in cui si vuole stare attenti alla linea, il primo alimento che viene eliminato o, comunque sconsigliato, è la pizza, croce e delizia dell’alimentazione di noi italiani amanti dei carboidrati. 

Questo succede perché la pizza fa ingrassare. Ma è proprio così?

pizza fa ingrassare_dietista benacchio 

 

La regina pizza.

Gli ingredienti della pizza

Per poter andare a ragionare su quanto possa incidere una pizza nella nostra dieta quotidiana, si deve partire dagli ingredienti.

Classicamente, l’impasto della pizza viene fatto con:

  • la farina (di tipo 0, 00 o integrale)
  • il lievito di birra
  • il sale
  • acqua q.b.

Il condimento, invece, è libero, e ognuno si sbizzarrisce in pizzeria a scegliere quello che più gli piace: dalla classica margherita con salsa di pomodoro e mozzarella, alla vegetariana con le verdure, dalla capricciosa con prosciutto cotto, carciofini, funghi e olive nere, alla boscaiola con soppressa e chiodini.

Ovviamente, a seconda dei condimenti che si vogliono utilizzare, le calorie cambiano, e anche di molto!

la pizza fa male_dietista benacchio 

 

La pizza fa veramente male?

Le calorie della pizza

La pizza margherita, cioè la più semplice, apporta circa 270 Kcal per ogni 100 g: tenendo conto che questa stessa pizza pesa circa 300 g, si può calcolare rapidamente le calorie totali. Una pizza margherita così come ci arriva sul piatto in pizzeria contiene circa 800 Kcal.

E le altre pizze?

Di seguito vi elenco le calorie medie delle pizze più comuni riferite, sempre, a 100 g:

  • pizza bianca (senza pomodoro): 292 Kcal
  • pizza vegetariana: 300 Kcal
  • pizza quattro stagioni: 620 Kcal
  • pizza margherita con salsiccia: 650 Kcal
  • pizza ai 4 formaggi: 700 Kcal

Nelle pizze con formaggi e salumi, come si può ben immaginare, abbiamo un elevato contenuto di grassi, che mediamente si attesta attorno ai 20-25 g per ogni 100 g di pizza.

Ma allora la pizza fa ingrassare veramente? Messa sul piano delle calorie, infatti, sembra che la pizza sia un cibo assolutamente da evitare, soprattutto se si vuole perdere peso: in realtà, ogni tanto è possibile concedersi un’eccezione per soddisfare il palato e, perché no, lo spirito.

pizza fa ingrassare-dietista benacchio 

 

La pizza fa ingrassare? Dipende!

Accorgimenti per una pizza più “salutare”

Stiamo cercando di capire se la pizza fa ingrassare oppure no. Per non sentirsi troppo in colpa e per non veder lievitare il girovita, è possibile preparare una pizza più “salutare” seguendo alcuni piccoli accorgimenti.

1-Utilizzare farine integrali per l’impasto

Consumare alimenti ricchi in fibre e a basso indice glicemico aiuta a regolare i livelli di zucchero nel sangue e a garantire la sensazione di sazietà.

Ecco come preparare una buona pasta per pizza integrale
https://blog.giallozafferano.it/valeriaciccotti/pasta-per-pizza-integrale/

2-Ridurre il formaggio

Come detto prima, se utilizziamo i formaggi come condimenti, aumentano sia le calorie che i grassi totali, responsabili, tra gli altri, di aumentare il rischio di patologie cardiovascolari.

3-Aumentare le verdure

Un condimento ipocalorico e salutare può essere costituito dalle verdure (di solito vengono preferite melanzane, e zucchine grigliate), che aumentano la quota di fibra del piatto.

4-Diluire la frequenza

Quello che consiglio io è di non mangiare la pizza ogni settimana (tipica abitudine del sabato sera della famiglia media italiana), ma una volta ogni 15 giorni e…

…di non pesarsi il giorno dopo, perché 1 chilo in più è quasi scontato (anche se non di grasso ma di ritenzione idrica) !

Conclusione, la pizza fa ingrassare?

Allora, la pizza fa ingrassare o no?

La pizza è un ottimo piatto unico, completo perché contiene carboidrati, grassi e proteine, anche se da non consumare quotidianamente.

Naturalmente, è meglio scegliere una pizza semplice ed evitare aggiunte di formaggi o affettati: le migliori sono le pizze con le verdure, che completano il pasto con fibre, vitamine e minerali, abbassando il carico glicemico e saziando di più.

Possiamo dire che in assoluto non è vero che la pizza fa ingrassare, così come non lo si può dire di nessun altro alimento. Va sempre tutto contestualizzato, nella giornata, nella settimana, nel mese, anche in base alle esigenze e al dispendio energetico.

___________________________

Per avere ulteriori informazioni o una consulenza personalizzata, vi invito a contattarmi tramite mail al mio indirizzo personale: jessicadietista@gmail.com .

A COSA FANNO BENE LE CILIEGIE

A COSA FANNO BENE LE CILIEGIE

Prima dell’arrivo dell’estate è frequente chiedersi a cosa fanno bene le ciliegie.

Gli alberi fioriscono in primavera contemporaneamente alla comparsa delle foglie ed è uno spettacolo della natura ammirare le loro chiome dall’aspetto bianco candido.

Le ciliegie: una tira l’altra, ci ricorda un famoso detto popolare. E infatti questo frutto rosso primaverile-estivo delizia così tanto il palato che non si finirebbe mai di mangiarlo!

Noi cediamo al peccato di gola, le assaporiamo e loro ci regalano numerose sostanze che potrebbero allungarci la vita. Scopriamo insieme a cosa mi riferisco e a cosa fanno bene le ciliegie.

CILIEGIE COSA CONTENGONO

Mette di buon more pensare che le ciliegie siano indicate anche per chi è attento alla linea, in quanto soddisfano la voglia di dolce ma hanno poche calorie: appena 38 calorie in 100 grammi di ciliegie denocciolate (ossia 130 grammi di frutti interi)!

Su 100 grammi di parte edibile troviamo:

  • 86% di acqua
  • 16 g di carboidrati
  • 1 g di proteine
  • 0,2 g di grassi
  • 1,6 g di fibra

Tra gli zuccheri presenti, nominiamo il sorbitolo: è uno zucchero ridotto a poliolo, che l’organismo trasforma in monosaccaridi senza l’intervento dell’insulina, motivo per il quale le ciliegie possono essere consumate anche da chi soffre di diabete.

Ci sono molte varietà di ciliegie che si possono raccogliere tra maggio e luglio, ma in tutte troviamo una buona quantità di vitamine C ed A, nonché di fosforo, magnesio e potassio.

Il colore rosso scuro è dato da una serie di composti detti antocianine, che ultimamente sono sotto i riflettori di scienziati e ricercatori per le loro capacità di comunicare con il nostro DNA, influenzando la longevità.

calorie ciliegie-dietista benacchio
A cosa fanno bene le ciliegie?

A COSA FANNO BENE LE CILIEGIE

L’albero di ciliegio viene anche coltivato per il suo legno rosato, particolarmente apprezzato nei lavori di ebanisteria, per la produzione di mobili fini e per la fabbricazione delle pipe.

Ma per la maggior parte dei casi, questi alberi sono importanti per i frutti rossi e tondeggianti che ci donano. Vediamo insieme a cosa fanno bene le ciliegie.

Proprietà antiossidanti e antinfiammatorie

Grazie alla presenza di antocianine e vitamine, le ciliegie aiutano a combattere gli effetti dei radicali liberi e minano i meccanismi alla base dello sviluppo di malattie croniche come il diabete, l’obesità ed il cancro.

Proprietà di protezione del cuore

I flavonoidi come le antocianine hanno un ruolo protettivo per il sistema cardiovascolare, riducendo i rischi di patologie ad esso associate: fanno abbassare la pressione e il cosiddetto colesterolo cattivo LDL (Low Density Lipoprotein), limitano gli stati infiammatori e la formazione delle placche arteriosclerotiche nelle arterie, e aumentano l’elasticità dei vasi sanguigni.

ciliegie-cosa contengono-dietista benacchio
Le ciliegie hanno moltissime proprietà nutritive.

Proprietà lassative

L’abbondante presenza di acqua, di fibre e di sorbitolo promuove la sensazione di sazietà, la diuresi e l’attività intestinale. Sono, quindi, dissetanti e aiutano chi soffre di stipsi: per chi non ha di questi problemi, attenzione a non esagerare con le quantità, altrimenti si rischia l’effetto lassativo!

Proprietà anti-gotta

Una ricerca californiana ha fatto rilevare che le ciliegie hanno capacità antinfiammatorie tali da sedare gli attacchi di gotta, facendo calare i valori di acido urico. Sarà interessante aggiornarsi sui risvolti di questa nuova scoperta, anche se è da approfondire e verificare.

ciliegie-proprieta-nutritive-dietista benacchio
Le ciliegie fanno bene per tanti motivi!

A cosa fanno bene le ciliegie: conclusioni

Adesso che abbiamo capito a cosa fanno bene le ciliegie, lo possiamo dire: belle e buone, le ciliegie sono un piacere per la gola, ma anche un dono inestimabile per la nostra salute. La loro stagionalità è limitata, perciò quando le vediamo sui banchi del fruttivendolo, meglio approfittarne!

___________________________

Per avere ulteriori informazioni o una consulenza personalizzata, vi invito a contattarmi tramite mail al mio indirizzo personale: jessicadietista@gmail.com .

Cosa contengono gli asparagi

Cosa contengono gli asparagi

Gli asparagi, in latino Asparagus Officinalis, fanno parte della vasta famiglia delle Liliacee, che accomuna circa 1600 varietà di vegetali con particolari proprietà curative, tra cui l’aglio, la cipolla, il porro, l’aloe, ma anche fiori come il giglio, il tulipano, e il mughetto. Gli asparagi più conosciuti sono di colore bianco e verde (anche se esistono delle varietà violacee) e vengono raccolti generalmente nei mesi di marzo-aprile.

COSA CONTENGONO GLI ASPARAGI

Gli asparagi sono dei vegetali ipocalorici e vengono spesso consigliati a chi vuole perdere peso o in regimi dietetici controllati. Infatti sono composti per oltre il 95% da acqua. Il restante 5% è costituito da:

  • 2% di zuccheri,
  • 2% di proteine
  • solo lo 0,1% di grassi.

Gli asparagi contengono elevate quantità di vitamine, sia idrosolubili come la vitamina C e il gruppo B, sia liposolubili come la vitamina A ed E.

Per approfittare al massimo dei benefici e delle proprietà di queste vitamine sarebbe bene utilizzare gli asparagi a crudo, magari grattugiando le punte nell’insalata o centrifugando il gambo completo per ottenere il suo estratto liquido.

Asparagi-italiani_dietista benacchio

ASPARAGI PROPRIETA’

Antiossidante

Gli asparagi contengono una buona quantità di glutatione, un composto che riduce l’azione dei radicali liberi, rallentando quindi l’invecchiamento cellulare.

Manganese e vitamina A, inoltre, influenzano positivamente il funzionamento dei reni, dei legamenti e della pelle, proteggendola dagli agenti atmosferici e dall’inquinamento.

Digestiva

La presenza delle fibre negli asparagi aiuta ad aumentare la sensazione di sazietà e di mantenerla per più tempo e a regolarizzare l’intestino. Inoltre, le fibre rallentano l’assorbimento dei nutrienti, in particolare degli zuccheri: ecco perché gli asparagi sono consigliati anche per chi ha in diabete mellito tipo 2.

(Per saperne di più sulle proprietà delle fibre vi invito a leggere l’articolo specifico).

Prebiotica

Questi vegetali contengono un particolare tipo di fibra, l’inulina, che non viene digerita dal nostro corpo ma stimola la crescita dei batteri intestinale “buoni”. I batteri buoni trasformano le fibre prebiotiche in sostanze chimiche come il butirrato, che è un potente antinfiammatorio intestinale. L’inulina, quindi, promuove un microbiota più vario e sano. E, come spesso ricordo, un microbiota in salute è alla base della salute e della longevità dell’interno organismo (ossia del nostro corpo in toto).

Diuretica

Grazie all’elevato contenuto di saponine, di polifenoli e di minerali, nello specifico potassio e fosforo, stimolano la diuresi e sono un ottimo alleato contro la ritenzione idrica. Caratteristica molto nota è la “puzza” che assume la pipì già pochi minuti dopo aver consumato un piatto di asparagi: questo è dovuto alla presenza di un particolare aminoacido chiamato, appunto, asparagina.

 

________________________________________________________________________________________

Per avere una consulenza personalizzata online, ti invito a contattarmi qui.

________________________________________________________________________________________

 

RICETTE PRATICHE E VELOCI

L’Italia è la terza produttrice europea, solamente dopo la Spagna e la Francia, grazie ai suoi 5.500 ettari di terreno coltivato. A questo pregiato ortaggio sono stati dedicati ben 4 marchi, 3 IGP e un DOP.

A detenere il primato di regione più devota all’asparago è il Veneto, con l’Asparago Bianco di Bassano DOP, l’Asparago Bianco di Cimadolmo IGP, l’Asparago di Badoere IGP e molte altre altre specialità tradizionali. L’Emilia Romagna invece si aggiudica la quarta eccellenza con l’Asparago Verde di Altedo IGP.

Gli asparagi sono un prodotto molto versatile quando si tratta di utilizzarli in cucina.

Un abbinamento ideale dell’asparago è quello con le uova, siano esse cucinate all’occhio di bue o sode.

asparagi ricette dietista benacchio
Ricette per secondi piatti.

Molto conosciuto, inoltre, è il risotto agi asparagi, presente in tutte le famiglie italiane e soprattutto venete nel periodo primaverile, preparato con le punte più morbide di questo ortaggio.

risotto-agli-asparagi-dietista benacchio
Ricette per primi piatti.

___________________________

Per avere ulteriori informazioni o prendere appuntamento in ambulatorio, ti invito ad utilizzare in form. 

LA DIETA DEL BALLERINO

LA DIETA DEL BALLERINO

Una sana alimentazione dovrebbe essere una regola per chiunque, a maggior ragione per chi al proprio corpo chiede performance di alto livello. La dieta del ballerino è importante tanto quanto la dieta del calciatore o dello sciatore.

I ballerini, infatti, sono da considerarsi a tutti gli effetti degli atleti e come tali, per svolgere tutte le attività previste dalla danza e dalle diverse discipline di ballo (lezioni, prove, spettacoli o gare), hanno bisogno di alimentarsi in maniera adeguata per poter essere in buona salute, aumentare la performance in pista e, nel caso di bambini e adolescenti, favorire una crescita armoniosa.

Purtroppo, in questo ambito c’è molta disinformazione e lo studio che vi vado a presentare ne è una prova. Cerchiamo di utilizzare i dati emersi per capire quale sia l’ideale dieta del ballerino.

dieta ballerina-dietista benacchio
La dieta del ballerino classico e sportivo.

STATO NUTRIZIONALE E PERFORMANCE NELLA DANZA SPORTIVA

Un interessante studio, infatti, ha indagato l’importanza di una corretta alimentazione nella danza sportiva, attività di destrezza caratterizzata da un notevole impegno muscolare che comporta un impegno metabolico sia di tipo aerobico che anaerobico.

La dieta del ballerino sotto la lente di ingrandimento insomma.

Tale studio ha selezionato un gruppo di ballerini professionisti di età compresa fra i 14 e i 25 anni (maschi e femmine; dalla classe B1 alla classe International) e ha indagato:

  • idratazione e composizione corporea, mediante Bioimpedenziometria;
  • introito calorico e abitudini alimentari (giorno di allenamento, giorno di gara e giorno di riposo), mediante questionario di frequenza di assunzione degli alimenti e diario alimentare;
  • dispendio energetico, mediante Sensewear Armband (Holter metabolico);
  • variazioni di peso e idratazione prima e dopo una sessione di allenamento.

I RISULTATI hanno evidenziato come la maggior parte dei ballerini non abbia un apporto calorico e nutrizionale adeguato all’attività fisica sostenuta e come ciò risulti correlato a un’aumento di massa grassa pur mantenendo il peso contenuto: va infatti precisato che diete ipocaloriche prolungate e sbilanciate, in caso di intensa attività fisica possono indurre una perdita della massa muscolare, con conseguente aumento della fatica e del rischio di infortuni.

dancer diet_dietista benacchio
Dieta del ballerino in allenamento e in gara.

________________________________________________________________________________________

Per avere una consulenza personalizzata online, ti invito a contattarmi qui.

________________________________________________________________________________________

Ideale dieta del ballerino

Gli allenamenti dei ballerini sono molto impegnativi dal punto di vista fisico e richiedono un corretto apporto di nutrienti durante le diverse fasi preparatorie come pure nel momento della gara o esibizione:

  • acqua
  • carboidrati, circa il 55-60% 
  • proteine, circa il 12-15%
  • grassi, circa il 20-30%

(percentuale rispetto al dispendio energetico dell’atleta)

Come si può ben pensare, l’alimentazione deve essere personalizzata e calibrata in base allo stato nutrizionale di partenza, al tipo di ballo praticato, nonché alla durata e all’intensità dell’allenamento.

COSA MANGIARE NEL PRE-GARA

La dieta del ballerino necessita di essere adattata anche in base al momento dell’anno in cui siamo.

Il pasto pre-gara dovrà essere effettuato 3-4 ore prima della gara e deve essere ben digeribile, sufficientemente energetico e costituito prevalentemente da carboidrati complessi. Un esempio potrebbe essere un piatto di riso integrale con sugo di verdure o di pesce.

Nel pre-gara non bisogna mai dimenticare l’importanza di un adeguato apporto idrico: circa 500-700 ml di acqua nelle due-tre ore precedenti alla competizione

COSA MANGIARE DURANTE GARE O ESIBIZIONI LUNGHE

Se la competizione ha una durata molto lunga e ci sono numerosi intervalli tra una performance e un’altra sarà fondamentale intervenire con dei piccoli accorgimenti utili per garantire un recupero ottimale e a non compromettere la performance successiva: prima di tutto fondamentale è un adeguato apporto idrico, circa 200 ml ogni 15 minuti. È utile, inoltre, rifornire l’organismo dei sali minerali persi e ripristinare le scorte energetiche a livello muscolare attraverso l’assunzione di bevande energetiche, frutta o barrette.

COSA MANGIARE DOPO LA GARA

Per quanto riguarda il pasto vero e proprio successivo alla gara deve garantire il ripristino dell’energia spesa durante la competizione, deve apportare una buona dose di carboidrati, proteine, grassi, vitamine e sali minerali. Se la gara avviene in mattinata o nel pomeriggio, rispettivamente il pasto post-gara può coincidere con il pranzo o con la cena. In questi casi l’atleta può effettuare un pasto completo caratterizzato da un secondo piatto quale carne, pesce, uova accompagnato da pane e un contorno abbondante di verdura, oppure da un minestrone con pasta o riso.

Integratori sì o no?

La dieta del ballerino non esclude ma non necessita di integratori al tempo stesso.

Se il soggetto ha un’alimentazione varia e bilanciata in genere non avrà bisogni di integratori di vitamine e sali minerali, il consumo quotidiano infatti di frutta e verdura (3-5 porzioni al giorno), unitamente ad una dieta equilibrata, è generalmente in grado di coprire il fabbisogno giornaliero di micronutrienti anche di uno sportivo.

Va valutato caso per caso, la presenza di deficit nutrizionali e il conseguente ricorso ad integratori.

dieta del ballerino-dietista benacchio
Dieta del ballerino: cosa non fare.

ERRORI DA EVITARE

1- Saltare i pasti: al pasto successivo il tuo corpo cercherà di recuperare dal cibo tutto quello che non gli hai dato prima;

2- Alimentarsi con un solo gruppo alimentare;

3- Abolire carboidrati e grassi;

4- Sostituire la regolare alimentazione con barrette dietetiche.

5- Tagliare drasticamente le calorie e ridurre il cibo: significa togliere energia ai muscoli. A lungo andare questo può provocare danni permanenti.

___________________________

Per avere ulteriori informazioni o prendere appuntamento in ambulatorio, ti invito ad utilizzare in form. 

I BENEFICI DI UNA SANA ALIMENTAZIONE

I BENEFICI DI UNA SANA ALIMENTAZIONE

I benefici di una sana alimentazione sono tantissimi: seguire una alimentazione sana ed equilibrata aiuta a migliorare la qualità della vita e può persino allungarla.

Un numero crescente di studi ha dimostrato, infatti, l’importanza di una corretta ed equilibrata alimentazione nella prevenzione di numerose malattie: l’American Institute for Cancer Research ha calcolato che le cattive abitudini alimentari sono responsabili di circa 1 tumore su 3.

________________________________________________________________________________________

Per avere una consulenza personalizzata online, ti invito a contattarmi qui.

________________________________________________________________________________________

Benefici di una sana alimentazione

Già Ippocrate, padre della medicina, circa 2500 anni fa diceva “Fà che il cibo sia la tua medicina e che la tua medicina sia il tuo cibo”, per sintetizzare il suo pensiero circa la relazione tra ciò che mangiamo e la nostra salute.

I benefici di una sana alimentazione (purchè sia anche equilibrata) sono molteplici, in questo articolo vi propongono quelli che sono, secondo me, i più rilevanti.

alimentazione-sana-previene-tumore-al-seno-dietista-benacchio
Benefici di una sana alimentazione nel prevenire il tumore al seno.

PREVENZIONE DEI TUMORI

Un’alimentazione equilibrata e varia aiuta a diminuire il rischio di ammalarsi di cancro in generale, ma in particolare:

  • cancro al seno e alla cervice uterina (collo dell’utero): dal 30 al 50% dei casi possono essere evitati in questo modo (vale a dire circa 17000 casi contro i 34000 che compaiono ogni anno);
  • cancro allo stomaco e al colon-retto: buone pratiche alimentari aiuterebbero ad evitare dal 60 al 70% dei casi (cioè 23000 casi contro i 33000 che compaiono ogni anno)

PREVENZIONE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI

Per malattie cardiovascolari si intendono soprattutto ipertensione, ipercolesterolemia, infarto ed ictus. Un’alimentazione non equilibrata e ricca di grassi saturi e povera in fibre favorisce la formazione di placche aterosclerotiche in vene ed arterie, riducendo il flusso sanguigno e aumentando la probabilità di formazione di trombi ed emboli.

prevenzione-cardiovascolare-dietista-benacchio
Benefici di una sana alimentazione nel prevenire ictus ed infarti.

PREVENZIONE DEL DIABETE tipo 2

Un’alimentazione ricca in zuccheri e povera in fibre calata in uno stile di vita sedentario può portare ad elevate concentrazioni ematiche di glucosio (iperglicemia e successivamente diabete).

Il diabete melato di tipo 2 colpisce circa il 6% della popolazione mondiale e causa una riduzione dell’aspettativa di vita rispetto alla popolazione generale, in quanto annovera come complicanze le malattie cardiovascolari sopracitate, le malattie renali, il piede diabetico (che porta all’amputazione del piede o della gamba nei peggiori casi) e la cecità.

PREVENZIONE DELLE MALATTIE NEURODEGENERATIVE

Un’alimentazione equilibrata che comprenda una buona razione di acidi grassi Omega 3 e di vitamine ed antiossidanti protegge le cellule del cervello e riduce il rischio di malattie quali la demenza, il morbo di Alzheimer e il morbo di Parkinson.

PREVENZIONE DELL’OSTEOPOROSI

Se nella nostra alimentazione abbiamo un buon apporto di calcio e vitamina D e svolgiamo un’attività fisica sia aerobica che anaerobica, riduciamo il rischio di incorrere nell’osteoporosi, ossia la degenerazione delle ossa, che aumenta i casi di fratture e riduce la qualità di vita. 

benefici-sana-alimentazione-dietista-benacchio
Benefici di una sana alimentazione per la fertilità femminile e maschile.

MIGLIORAMENTO DELLA FERTILITA’

Il corretto apporto di appropriati principi nutritivi favorisce la fertilità e il fisiologico svolgimento della gravidanza, riducendo la comparsa di complicanze anche gravi. Nell’uomo, inoltre, una sana alimentazione migliora l’erezione e la performance sessuale e, in generale, favorisce la nascita di un figlio sano che avrà più probabilità di buona salute in età adulta.

I benefici di una sana alimentazione riguardano la salute ed il benessere psicofisico a 360°: essa dovrebbe essere adottata fin dalla più tenera età, ma non è mai troppo tardi per iniziare!

Fonte: Ministero della Salute www.salute.gov.it 
 

___________________________

Per avere ulteriori informazioni o prendere appuntamento in ambulatorio, ti invito ad utilizzare in form. 

Benefici di una sana alimentazione

In questo articolo vi ho riportato soltanto alcuni dei vantaggi che possiamo trarre facendo attenzione agli alimenti che introduciamo nel nostro organismo quotidianamente (d’altronde, facciamo almeno 3 pasti al giorno, per tutta la durata della nostra vita!).

La ricerca scientifica, in ogni caso, è sempre all’opera e quindi non mi stupirei se essa riuscisse a scoprire, un giorno, ulteriori legami tra alimentazione e salute.